Categorie
Curiosità

DuckDuckGo Tracker Radar

Una classifica di migliaia di siti internet e dei loro tracker chiamata DuckDuckGo Tracker Radar. Chi sarà mai nei primi posti? Google e Facebook!

Ultimo aggiornamento articolo: 29 Dicembre, 2020

SEI SU FACEBOOK? SEGUI LA NOSTRA PAGINA! 👍, MA TI CONSIGLIAMO DI SEGUIRCI SU MASTODON 🐘 E TELEGRAM 📣

DuckDuckGo ha rilasciato un elenco di migliaia di siti internet e dei loro tracker. E lo ha chiamato DuckDuckGo Tracker Radar. I dati sono stati raccolti grazie al loro browser. Sono molto interessanti in quanto dimostrano quello che già sospettavamo da tempo: Google e Facebook hanno letteralmente riempito il web con i loro tracciamenti. Ed è anche colpa dei proprietari dei siti che li utilizzano in maniera più o meno inconsapevole.

Un esempio su tutti: ci è capitato di segnalare all’INPS (qui su Twitter) che la loro applicazione per Android conteneva senza alcun motivo i codici di tracciamento di Google Ads e di Google Tag Manager. L’INPS è stata molto cortese nelle risposte e poche settimane dopo la loro applicazione non conteneva più i due tracciamenti da noi segnalati. È anche questo che intendiamo per ‘inconsapevole’. È possibile che gli sviluppatori e i webmaster ormai inseriscano di default alcuni tracker e alcune parti di codice di Google o di Facebook perché “si usa fare così” senza valutarne il reale impatto. O che utilizzino l’ingombrante Google Analytics a prescindere quando ci sono molte alternative etiche e rispettose degli utenti.

DuckDuckGo Tracker Radar e l’origine dei tracker

È infatti ormai incredibilmente difficile trovare un sito che non contenga i banner di Google (e di conseguenza i suoi tracker) o le statistiche di Google Analytics. Così come è molto difficile trovare un sito che non contenga i tracciamento di Facebook (come abbiamo visto recentemente).

I tracker più comuni. Foto di DuckDuckGo

Non ci sorprende quindi vedere questo grafico! L’origine dei tracker più comuni sui siti web è di Google e al secondo posto troviamo Facebook. Neanche Adobe, Amazon ed Oracle scherzano troppo con l’uso dei tracciamenti, purtroppo. Lo diciamo spesso, ma lo ripeteremo in eterno. Noi non siamo contrari alla pubblicità tout court, né alle multinazionali a prescindere. Siamo contrari a questa idea di internet dove il tracciamento, pubblicitario e non solo, viene visto come un obbligo o come un qualcosa di indispensabile. Non lo è.

L’importanza di un browser sicuro

Si può fare benissimo pubblicità anche senza tracciare nessuno come ad esempio fa il browser Brave. O come fa proprio la stessa DuckDuckGo. Infatti l’anatra più famosa del web guadagna proprio con la pubblicità all’interno delle ricerche ma, a differenza di Google, non tiene traccia di nessuno. Un altro mondo è quindi possibile e auspicabile.

Per questo motivo noi vi diamo consigli su come difendervi dal tracciamento selvaggio. Nonostante essere davvero anonimi sia complicato, alle volte l’unica cosa che vogliamo è essere lasciati in pace dalle pubblicità che ci tartassano e ci seguono ovunque. Noi consigliamo infatti di utilizzare dei browser con il blocco dei cookies inter-sito già attivati di default come fanno ad esempio sia Firefox che Brave.

Se volete saperne di più potete leggere la notizia originale sul blog di DuckDuckGo all’indirizzo spreadprivacy.com. Se volete seguirci vi ricordiamo che siamo presenti su tutti quanti i social network.

❤ Aiutaci a condividere privacy ❤


💬 COMMENTA SU TELEGRAM, MATRIX O REDDIT 💬

Per motivi di praticità e per non tenere in alcun modo traccia di voi abbiamo deciso di non utilizzare un nostro sistema di commenti.

Avete tre modi per commentare i nostri articoli e per parlare con noi: potete farlo attraverso il nostro gruppo Telegram, nella nostra nuova stanza Matrix oppure su Reddit.

Prima di iscrivervi a questi servizi vi consigliamo di leggere le loro Privacy Policy: Reddit, Matrix e Telegram


Di skariko

Autore ed amministratore del progetto web LeAlternative