Categorie
Notizie

Il nuovo Edge non protegge la privacy

Una ricerca accademica svela quello che sospettavamo: il nuovo Edge non protegge la privacy. Ottimi risultati invece per il browser Brave

SIAMO ANCHE SU TWITTER 🐦

Una nuova ricerca accademica sulla privacy dei sei browser più popolari pubblicata lo scorso mese (qui trovate il pdf) ha evidenziato alcune cose che già sapevamo e altre che purtroppo sospettavamo da tempo come ad esempio: il nuovo Edge non protegge la privacy.

Il nuovo Edge non protegge la privacy

La ricerca condotta da Douglas J. Leith (professore al Trinity College dell’Università di Dublino) ha infatti esaminato con una serie di test automatici i sei browser più utilizzati su internet ovvero: Google Chrome, Mozilla Firefox, Safari, Brave, Microsoft Edge (il nuovo Edge, quello basato su Chromium) ed il browser Yandex (Yandex è, per dirla in maniera spicciola, il Google russo).

I test hanno raccolto dati durante diverse fasi dell’utilizzo del browser come ad esempio:

  • Primo avvio dopo l’installazione
  • Chiusura e riavvio del browser
  • Quando si incolla un URL nella barra degli indirizzi
  • Dopo aver digitato un URL nella barra degli indirizzi
  • Quando il browser è inattivo

È stato quindi analizzato il traffico di rete che potrebbe consentire il tracciamento di un utente tramite indirizzo IP o se il browser tiene traccia della cronologia di navigazione dell’utente. Successivamente sono stati individuati tre gruppi con diversi gradi di privacy.

BRAVE

Secondo questa ricerca Brave, in versione standard, è di gran lunga il browser più privato che si possa utilizzare. Non è stato trovato nessun tipo di monitoraggio degli indirizzi IP e nessuna condivisione delle pagine web visitate. Questa analisi coincide con quello che avevamo già detto noi nel nostro articolo sulle alternative a Google Chrome. Se si parla infatti di installazioni standard (senza quindi che l’utente debba toccare e/o installare nulla) Brave è la migliore opzione possibile. Se si è in grado invece di smanettare un po’ installando estensioni e aggiustando qualche opzione l’incoronazione passa velocemente a Firefox.

CHROME, FIREFOX E SAFARI

Più o meno a pari merito arrivano Google Chrome, Firefox e Safari. Tutti e tre infatti contengono abilitata di default la telemetria che permette di identificare ogni installazione del browser. Questi identificatori hanno permesso a Google, Mozilla ed Apple di identificare gli utenti non solo attraverso i riavvi del browser ma anche attraverso una sua re-installazione.

Lo ripetiamo: si parla delle impostazioni di default di questi browser. Sappiamo bene, e lo abbiamo anche già raccontato, che Firefox è potenzialmente più privato. È questa però una analisi interessante: quante persone mettono mano alle impostazioni automatiche del proprio browser? Scommettiamo poche. Per questo può essere utile consigliare Brave a chi non ha voglia o ne sa davvero poco di computer.

EDGE ED YANDEX

Arriviamo alla brutta notizia che purtroppo già sospettavamo. Se su Yandex non avevamo molti dubbi (tutti i servizi di Yandex sono sconsigliati per quel che riguarda la privacy), Edge è purtroppo una brutta sorpresa. Il ricercato afferma infatti che entrambi i browser utilizzano identificatori univoci collegati all’hardware del dispositivo. Questo tipo di monitoraggio permette a Microsoft e ad Yandex di seguire gli utenti attraverso le installazioni e, potenzialmente, controllare anche le installazioni di altre app. Un comportamento, tra l’altro, che non è possibile disattivare (a differenza della telemetria di Firefox, per esempio).

Potete approfondire l’argomento su ZDnet, oppure leggendo il PDF della ricerca.

Se invece conoscere tutte le alternative a Google Chrome scelte da noi potete vederle qui. Se non avete paura di perdere la privacy online potete dare un occhio al nostro tag dedicato agli esempi pratici (giochi e test).


❤ Aiutaci a condividere privacy ❤

Non vogliamo mettere bottoni, se avete amici che usano solo Facebook, Instagram o Whatsapp condividete con loro l'indirizzo di questa pagina.

CLICCA QUI E COPIA AUTOMATICAMENTE L'URL

I COMMENTI SU REDDIT 💬

Per motivi di praticità e di protezione dei vostri dati abbiamo deciso di non utilizzare un nostro sistema di commenti così da non tenere in alcun modo davvero nessuna traccia di voi. Abbiamo quindi creato una Community su Reddit. Se avete consigli e/o commenti su questo articolo scrivete nel nostro subreddit /r/LeAlternative.

Prima di iscrivervi a Reddit vi consigliamo di leggere la loro Privacy Policy.