SEI SU FACEBOOK? SEGUI LA NOSTRA PAGINA! 👍, MA TI CONSIGLIAMO DI SEGUIRCI SU MASTODON 🐘 E TELEGRAM 📣

Zoom ha qualche problema con la privacy

Zoom è una programma per le videoconferenze e per le videochiamate. Ne avrete sentito parlare di recente perché è stata utilizzata anche dalle scuole per fare le lezioni a distanza durante la quarantena. Perché diciamo che Zoom ha qualche problema con la privacy? Ci sono diversi motivi che ci spingono a farlo e cercheremo di spiegarveli come sempre in breve e chiaramente.

Intanto fino a pochissimi giorni fa (ora infatti hanno rimosso quella parte di codice) Zoom condivideva i nostri dati con estrema nonchalance con Facebok senza però dire nulla nella loro privacy policy. Una accusa molto grave che arriva, come spesso accade, dai giornalisti di Motherboard sempre molto attenti alla privacy. Erano stato loro infatti a scoprire che Avast ed AVG vendevano i nostri dati.

L’anno scorso, sempre secondo 9to5mac.com Zoom permetteva di monitorare le attività sul computer e raccoglieva i dati sui programmi in esecuzione.

Zoom ha qualche problema con la privacy

Inoltre sul blog di ProtonMail troviamo un interessante articolo che sconsiglia apertamente l’utilizzo di Zoom e che spiega per filo e per segno diverse cose notevoli. Vi riportiamo solo il bug (o no?) dell’anno scorso che permetteva a Zoom di bypassare il sistema di sicurezza di Safari. Praticamente gli permetteva di ignorare la finestrella pop-up di Safari che avvisa quando si sta per accendere la webcam del dispositivo. Potete leggere tutto sul blog di ProtonMail.

Ecco spiegato in breve perché diciamo che Zoom ha qualche problema con la privacy. Se dovete fare delle videochiamate potete leggere il nostro articolo sulle alternative ai tempi del COVID-19 scritto in collaborazione con gli amici di Etica Digitale. Parliamo infatti di una delle migliori realtà ed alternative ai programmi di videochiamata come Zoom e Skype. Parliamo infatti di Jitsi, un progetto open source con davvero pochi difetti e tantissimi pregi. Oltretutto recentemente grazie al progetto iorestoacasa.work si possono usare tantissimi server per le videochiamate messi a disposizione da tutti.

Se l’articolo vi è piaciuto e volete mostrarci un po’ di ❤ non vi chiediamo soldi ma condivisioni. Fate conoscere il nostro progetto ai vostri amici, anche a quelli non troppo tecnologici. Siamo infatti su tutti i social.

Se ti piace il nostro lavoro da oggi puoi anche donare grazie!

Aiutaci a condividere privacy