Categorie
Oltre Google

Quale alternativa a Zoom?

Dopo i numerosi problemi di sicurezza e privacy molti si stanno domandando: quale alternativa a Zoom? Noi vi proponiamo Jitsi in tutte le salse possibili!

Ultimo aggiornamento articolo: 24 Marzo, 2021

SEGUICI ANCHE SU MATRIX! 😎

Vogliamo parlarvi nuovamente di Zoom, ne abbiamo scritto recentemente dove abbiamo raccontato alcuni dei suoi problemi recenti (e non) con la privacy. Nel frattempo però sono uscite parecchie notizie (ringraziamo, tra gli altri, gli amici di Etica Digitale sempre sul pezzo). Siamo quindi piuttosto certi, o almeno lo speriamo, che molti di voi si stanno chiedendo: “ok, ne ho abbastanza. Quale alternativa a Zoom?

Se non sapete di cosa stiamo parlando è bene che continuiate a leggere allora. Intanto potreste essere interessanti al nostro riassunto del 30 marzo, dove si era appena scoperto che Zoom condivideva (ora non più) i nostri dati con Facebook. Senza accennarlo nella loro privacy policy!

Quale alternativa a Zoom?

Nel frattempo sono successe un po’ di cose e vi parleremo di Zoombombing, di SpaceX, di crittografia e di Cina.

La prima notizia parla di Elon Musk. SpaceX infatti è l’azienda aerospaziale voluta e costruita dall’imprenditore sudafricano agli inizi del 2000. Bene, secondo Reuters Elon Musk avrebbe completamente vietato ai suoi dipendenti l’utilizzo di Zoom per via dei suoi reiterati problemi con la privacy e sulla sicurezza.

Perché oltre alla privacy parliamo anche di sicurezza? Qui entra in gioco la seconda notizia. Secondo un rapporto della Citizen Lab (University of Toronto), la crittografia end-to-end utilizzata da Zoom avrebbe parecchie lacune. Non sarebbe sicura e, non da meno, alcune chiavi di sicurezza dei meeting venivano generate anche in Cina, non propriamente conosciuta per essere patria dei diritti civili. Successivamente l’azienda ha dichiarato che le chiavi generate in Cina erano un errore. Insomma, prima Facebook ed ora la Cina. Quante distrazioni!
Se vi interessa approffondire questa notizia potete leggere l’articolo su The Intercept.

Lo Zoombombing

Ultimo, ma forse non per importanza, è lo Zoombombing. In pratica è l’intromissione, sempre più frequente, di gente esterna e non invitata, durante le videochiamate e le videoconferenze fatte con Zoom. Queste intrusioni sono così frequenti che è stato per l’appunto coniato addirittura il termine Zoombombing.

Insomma gli elementi per chiedersi: quale alternativa a Zoom? Ci sono davvero tutti. E noi vi proponiamo Jitsi! È una applicazione open source e gratuita che potete utilizzare in diversi modi e che sostituisce egregiamente Zoom. Vi elenchiamo alcuni metodi per utilizzarlo:

Jitsi Meet

Sito ufficiale di Jitsi, potete fare tutte le videochiamate che volete utilizzando gratuitamente i server di 8×8. I loro server, però, sono negli Stati Uniti, Canada ed Australia e questo potrebbe far storcere il naso a qualcuno (sono tutti paesi 5 eyes). Trovate su LibreAdvice una guida per per il suo utilizzo.

Io resto A Casa .work

Sito che nasce sull’onda del #iorestoacasa e dell’emergenza sanitaria Covid-19. Chiunque può mettere a disposizione un server con installato Jitsi. E chiunque può utilizzarlo gratuitamente per le sue videochiamate. I server quindi sono gestiti autonomamente da persone che hanno deciso di aiutare gli altri.

Consortium GARR

Esistono anche i server italiani di Consortium GARR con eduMeet e Jitsi. Molto consigliati, veloci, gratuiti e decisamente affidabili.

Together Brave

Segnaliamo un’iniziativa interessante del browser Brave. Le videoconferenze private, 100% open source (viene utilizzato Jitsi) e completamente gratuite. Nessuna registrazione è richiesta, tuttavia è necessario utilizzare Brave Browser per accedere alla videochiamata oppure avere Jitsi sul proprio smartphone.

Infomaniak Meet

Infomaniak è il primo hosting web in Svizzera. È un’azienda green con una importante visione etica. I suoi server sono tutti localizzati in Svizzera. Hanno deciso di creare un’app chiamata Infomaniak Meet, che utilizza il codice sorgente di Jitsi, e di mettere a disposizione gratuitamente i loro server svizzeri per questa quarantena. Un buon compromesso per chi vuole privacy e la sicurezza di un hosting europeo davvero affidabile.

Self-hosting

Jitsi è open source, chiunque può quindi installarlo su un server e metterlo a disposizione di tutti o per sé stesso.


Se l’articolo ti è piaciuto potresti essere interessato a seguirci su Twitter o su Telegram!

❤ Aiutaci a condividere privacy ❤


💬 COMMENTA SU TELEGRAM, MATRIX O REDDIT 💬

Per motivi di praticità e per non tenere in alcun modo traccia di voi abbiamo deciso di non utilizzare un nostro sistema di commenti.

Avete tre modi per commentare i nostri articoli e per parlare con noi: potete farlo attraverso il nostro gruppo Telegram, nella nostra nuova stanza Matrix oppure su Reddit.

Prima di iscrivervi a questi servizi vi consigliamo di leggere le loro Privacy Policy: Reddit, Matrix e Telegram