ISCRIVITI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM 📣

Alternative ad Amazon

Aggiornato il: 16 Novembre, 2022

In questi giorni si sprecano gli articoli su Amazon, il 13 ed il 14 ottobre è infatti il famoso Amazon Prime Day. Noi andremo totalmente controcorrente. Intanto, nel caso a qualcuno interessasse o ne avesse il dubbio, diciamo una cosa importante: non avremo mai e poi mai un’affiliazione Amazon. E oggi più che mai crediamo sia giusto parlare delle alternative ad Amazon.

Essendo un articolo su Amazon ci riferiremo principalmente all’Amazon Prime Day. Ma il discorso vale anche per il Black Friday (sapevate che 8 italiani su 10 sono pronti a cedere dati personali in cambio di sconti? 1). Ogni anno queste giornate generano un volume eccezionale di vendite. Nessuna azienda normale può tenere il passo ad una pressione commerciale simile. Non ne può uscire nulla di buono da eventi di questo tipo. E questo è uno dei motivi per cui tra tutti i provider sul mercato abbiamo scelto proprio Infomaniak.
Durante il Black Friday del 2019 hanno infatti proclamato il #NoBlackFriday inserendolo anche nel loro statuto ambientale. Proprio per combattere questo consumismo sfrenato, irresponsabile che non fa altro che spremere il pianeta. Non è una cosa da poco. Non è una cosa da tutti.

Alternative ad Amazon: perché?

Sale vector created by freepik – www.freepik.com

Sappiamo benissimo però che dire di no ad Amazon è molto, molto complesso. Chi è iscritto ne è, a ragione, entusiasta. Il loro servizio clienti è ineccepibile. Rimborsano tutto a tutti senza mai proferire parola. Riescono a spedire tutto in tempi celeri, hanno spesso i prezzi più bassi tutti e si trova pressoché di tutto.

Ma tutto questo ha un costo: un costo umano ad esempio. Nonostante Jeff Bezos sia da più anni l’uomo più ricco del pianeta 2 (quanto guadagna Jeff Bezos?) i suoi dipendenti scioperano spesso e protestano per le pessime condizioni di lavoro 3 4 5. È di pochi giorni fa la notizia che quasi 20.000 (ventimila!) dipendenti statunitensi di Amazon e Whole Foods Market (sempre di proprietà di Amazon) sono risultati positivi al coronavirus 6.

Negli Stati Uniti hanno inoltre avuto qualche importante problema con le donne in gravidanza 7, mentre in Europa ci si chiede se è vero che Amazon prende di mira i lavoratori che cercano di organizzarsi e se abbia mai spiato leader politici 8. Ultimo, ma non per importanza, la sua AI pareva essere leggermente sessista 9.

Perché non utilizzare Amazon?

La lista dei perché sarebbe il caso evitare Amazon è pressoché infinita. Oltre al costo umano, parliamo del costo economico: in tutta Europa ha versato solo 11 milioni di tasse su un giro di affari di oltre 4,5 miliardi di euro 10. Negli Stati Uniti Amazon è dal 2016 che non paga l’imposta federale. E riceve rimborsi fiscali di svariati milioni di dollari 11. Solamente nel 2020, dopo 4 anni, ha dovuto pagare 162 milioni di tasse negli Stati Uniti (a fronte di 14 miliardi di reddito) 12.

Si può andare avanti parlando anche dell’orribile gamificazione del lavoro 13, dei problemi delle videocamere Ring (di proprietà Amazon) con la privacy 14, del prestare il proprio sistema di riconoscimento facciale all’FBI 15 e dell’usare sempre il riconoscimento facciale per monitorare gli immigrati 16.

Si può aggiungere anche che giganti come Amazon hanno letteralmente distrutto le piccole realtà 17 perché è impossibile competere con un gigante simile che, oltretutto, paga pochissime tasse anche in Italia. Secondo Il Sole 24 Ore infatti i giganti Amazon, Google, Twitter, Airbnb e Tripadvisor hanno versato complessivamente la bellezza di 14 milioni di euro di tasse 18.

Inoltre Amazon è pressoché da sempre in perdita perché guadagna in altri modi 19 dunque non lo si può definire un concorrente leale e le aziende normali non riescono ovviamente a tenere il passo di un’azienda che lavora in perdita. Per questo è importante prendere atto di questo e fare la propria parte.

Le ultimissime notizie su Amazon riguardano l’annuncio della Commissione UE dell’avvio di una procedura e di un’indagine per violazione delle regole sulla concorrenza. Amazon userebbe a suo vantaggio dati riservati dei concorrenti favorendo chi usa i suoi servizi 20 21.

Altre notizie su Amazon

Da quando abbiamo pubblicato questo articolo sono usciti tantissimi altri articoli su Amazon e sul perché non utilizzare Amazon.

  • minime di Giovanni De Mauro, direttore di Internazionale:

Questa lista potrebbe allungarsi in caso uscissero nuove notizie.

Alternative ad Amazon: una scelta etica

Insomma non siamo sicuri di riuscire a proporvi delle vere e proprie alternative ad Amazon, vogliamo però far capire che ci sono decine di motivi per non utilizzarlo che vanno ben oltre la semplice comodità personale. Le alternative che possiamo proporre non sono altro che utilizzare per quanto possibile i negozi di vicinato. Se volete invece acquistare online provate altri siti di e-commerce differenziando quindi i vostri acquisti anche se questo può costare qualche euro in più. Potete ad esempio provare sul sito ufficiale di quello che state per acquistare al posto di andare da grossi rivenditori. Un esempio banalissimo solo per rendere l’idea: il caffè Lavazza acquistato su Lavazza.it e non su Amazon.

Inoltre possiamo suggerire di trovare nuovi e-commerce utilizzando strumenti come trovaprezzi.it, ad esempio. Se volete esiste anche un bel thread su r/Italy in merito con molti link interessanti.

Alcuni suggerimenti alternativi ad Amazon:

  • Etsy, è un sito che raccoglie milioni di artigiani di tutto il mondo. Non hanno un loro magazzino ma comprerete direttamente da chi produce a mano questi oggetti.
  • Reware, l’importanza di un’informatica sostenibile. Questa cooperativa aggiusta computer (notebook e desktop) e li vende ricondizionati sul mercato. Ottimo per chi non vuole spendere una follia soprattutto in questo periodo di lockdown che i prezzi per i portatili sono triplicati.
  • Backmarket, su vostro suggerimento 22 vi segnaliamo anche questo grande market per dispositivi elettronici ricondizionati. È molto conosciuto e i commenti sugli acquisti sono positivi.
  • Smartphone ricondizionati: per quanto riguarda solo gli smartphone ne abbiamo parlato anche su Feddit. In questa pagina de Il Blog del Nagi trovate molti suggerimenti utili che vi riassumiamo:
  • Bookdealer, l’unica vera alternativa ad Amazon quando si parla di libri. Bookdealer infatti è la prima piattaforma di e-commerce in Italia a sostenere attivamente le librerie indipendenti. Su Bookdealer trovate davvero le librerie indipendenti di tutta Italia e grazie ad un motore di ricercaMotore di ricerca È quello che utilizzate per cercare qualcosa su internet. Alcuni motori di ricerca hanno poi sviluppato anche un loro browser, è il caso di Google con Google Chrome e di DuckDuckGo con DuckDuckGo Browser. Per l’utente finale è generalmente molto comodo associare browser a motore di ricerca e definire un po’ il tutto “internet”. Ma sono due cose differenti. Il browser è un programma, il motore di ricerca è un sistema che vi permette di cercare su internet. ben fatto potrete cercare tutti i libri che volete ed acquistarli direttamente online dai vostri librai di fiducia. Senza passare da Amazon o da altri grandi rivenditori!
  • GoodBook, grazie ad una vostra segnalazione vi proponiamo anche l’utilizzo di questo servizio. Non l’abbiamo mai provato ma sembra in tutto e per tutto simile a Bookdealer e sembra anche essere nato prima. Ad una prima occhiata sembra avere molte meno librerie partner rispetto a Bookdealer.

Cambiare è possibile ma, soprattutto in questo caso, deve essere una scelta etica e personale. Non vi diremo di non usare Amazon perché è inaffidabile perché non sarebbe la verità. Il nostro consiglio però è quello di utilizzare una delle tante alternative ad Amazon.

Come sempre consigliamo la cautela e un po’ di pazienza a chi non è avvezzo ai cambiamenti drastici. Provate magari a non rinnovare l’abbonamento Prime e a rallentare gli acquisti resistendo all’irrefrenabile impulso del premere il tasto “acquista con un click“. Disattivando Amazon Prime potete iniziare a rallentare il modo in cui acquistate. Provate ad usare Amazon solo quando avete raggiunto una certa cifra così da spendere meno in spedizione e poi potete pian piano provare a farne a meno.

Il pianeta non può più sopportare altri Amazon Prime Day o altri Black Friday 23.

Hai domande o qualche commento su questo articolo? Trovi la comunità di Le Alternativa su Feddit, su Matrix oppure Telegram.

  1. Black Friday, 8 italiani su 10 pronti a cedere dati personali in cambio di sconti[]
  2. The World’s Billionaires[]
  3. Dagli Stati Uniti all’Italia, i lavoratori di Amazon in sciopero per l’emergenza coronavirus[]
  4. I corrieri Amazon scioperano, Black Friday a rischio[]
  5. Storie e denunce di chi smista i pacchi Amazon a Passo Corese[]
  6. Amazon, 20mila dipendenti positivi al Covid[]
  7. Amazon Allegedly Forced Pregnant People to Risk Miscarriages or Lose Their Jobs[]
  8. EU lawmakers ask Jeff Bezos whether Amazon spies on politicians[]
  9. Amazon scraps ‘sexist AI’ recruiting tool that showed bias against women[]
  10. Quante tasse ha pagato Amazon in Europa[]
  11. Why Amazon paid no 2018 US federal income tax[]
  12. Amazon had to pay federal income taxes for the first time since 2016 — here’s how much[]
  13. Più pacchi fai, più punti ottieni: Amazon trasforma il lavoro in un videogame[]
  14. Videocamere Ring e privacy[]
  15. The FBI is Trying Amazon’s Facial-Recognition Software[]
  16. Amazon Pitches Facial Recognition to Monitor Immigrants[]
  17. Amazon distrugge più posti di lavoro di quanti ne crea? Un’inchiesta[]
  18. Da Amazon a Google, tasse pagate in Italia solo per 14 milioni[]
  19. Stefano Barazzetta su Twitter, link Nitter[]
  20. Antitrust: Commission sends Statement of Objections to Amazon for the use of non-public independent seller data and opens second investigation into its e-commerce business practices[]
  21. Amazon, l’accusa della Commissione europea: «Usa i dati dei rivenditori per favorire i suoi prodotti»[]
  22. Suggerimento su Codeberg[]
  23. Black Friday is bad for the planet and should be banned, say French MPs[]

Se ti piace il nostro lavoro puoi anche donare grazie!

Aiutaci a condividere privacy

Di skariko

Autore ed amministratore del progetto web LeAlternative

TRE ARTICOLI RANDOM