Categorie
Curiosità

Quali sono i siti più visitati?

Un’infografica di Visual Capitalist ci racconta con semplicità quali sono i siti più visitati. Google e Facebook sono impressionanti!

HAI INSTAGRAM? SEGUI IL NOSTRO PROFILO 📸, MA TI CONSIGLIAMO DI SEGUIRCI SU TELEGRAM 📣

Prendiamo spunto da una bellissima infografica creata dal sempre ottimo sito Visual Capitalist. Il loro sito ci piace particolarmente perché riescono sempre a dimostrare graficamente alcune cose altrimenti difficili da comprendere del tutto. Con l’esempio di oggi infatti riescono a far capire immediatamente quanto sia immenso il potere tentacolare di Google su internet. Quali sono i siti più visitati?

Quali sono i siti più visitati?

Clicca sull’immagine per vederla a schermo intero.

Immagine creata da Visual Capitalist

Se non sapessimo tutto quello che sappiamo su Google e compagnia forse non ci vedremmo nemmeno niente di male in tutto questo. Nel momento in cui però scopriamo quanto Google sia tentacolare 1 e quanti dati raccoglie su di noi 2 la cosa inizia a diventare leggermente più inquietante, non trovate?

Google e gli altri

Il predominio di Google è impressionante anche se confrontato ad altre Big Tech come Facebook e Amazon. Il traffico dei dati generati da Google è, secondo questa infografica, superiore a tutto quello generato da Facebook, Amazon, Microsoft, Pornhub, eBay, Twitter, Zoom, Reddit, Netflix, Yahoo e Wikipedia.

Lo chiediamo con la massima semplicità: è normale e rassicurante che l’azienda più visitata di internet abbia come quasi unica fonte di guadagno la pubblicità? E che le sue pubblicità non siano anonime ma frutto di dati aggregati e di profilazione sulla nostra vita quotidiana?

Di recente forse avete sentito parlare di Google e della sua privacy sandbox per tutelare la nostra privacy. Building a privacy-first future for web advertising, dicono. Purtroppo è uno slogan davvero poco credibile in quanto sappiamo che Google ha riempito il web di traccianti. Prima o poi cercheremo di fare un articolo riassuntivo anche su questo, per ora vi consigliamo di leggere questo approfondimento della Electronic Frontier Foundation.

Quali sono i siti più visitati? L’analisi di The Markup

Secondo questa analisi di The Markup, effettuata a settembre 2020, vediamo che grazie al loro tool Blacklight hanno scoperto molte cose interessanti:

  • Il 74% dei siti analizzati usa qualche tecnologia di Google per il tracciamento degli utenti.
  • Il 6% utilizza il fingerprinting per non perdere mai di vista il bersaglio (il browser Brave, se vi interessa, ha il blocco del fingerprinting integrato).

Ora ci dicono che la pubblicità online va rivista, ma devono sempre essere loro a dettare le regole, ovviamente.

E con Facebook non va certo molto meglio

  • Il 33% dei siti analizzati usa tecnologie di Facebook per tracciare gli utenti.

Non aggiungiamo altro perché pensiamo che questi numeri parlino da soli.

Aiutateci a rendere il web un posto migliore chiedendo agli sviluppatori di non utilizzare sempre e solo le tecnologie di queste Big Tech perché sappiamo che esistono alternative. Ad esempio meno Google Analytics e più Matomo per iniziare.

Quello che vogliamo spiegarvi con il progetto LeAlternative, infatti, è che tutto questo non è necessario né obbligatorio e, secondo noi, nemmeno giusto.

Fin quando le cose non miglioreranno difendetevi utilizzando strumenti come Brave o Firefox per navigare (o Bromite su Android) e siti come Exodus Privacy e Blacklight per scoprire chi ha scambiato i vostri dati e la vostra privacy per una gallina dalle uova d’oro.

  1. Prodotti Google su Wikipedia[]
  2. Are you ready? Here is all the data Facebook and Google have on you[]

❤ Aiutaci a condividere privacy ❤


💬 COMMENTA SU TELEGRAM, MATRIX O REDDIT 💬

Per motivi di praticità e per non tenere in alcun modo traccia di voi abbiamo deciso di non utilizzare un nostro sistema di commenti.

Avete tre modi per commentare i nostri articoli e per parlare con noi: potete farlo attraverso il nostro gruppo Telegram, nella nostra nuova stanza Matrix oppure su Reddit.

Prima di iscrivervi a questi servizi vi consigliamo di leggere le loro Privacy Policy: Reddit, Matrix e Telegram


Di skariko

Autore ed amministratore del progetto web LeAlternative