TROVI ANCHE IL NOSTRO GRUPPO TELEGRAM 💬

AnonAddy

Ultimo aggiornamento: 16 Maggio, 2022

Vi parliamo oggi di un servizio davvero molto particolare. AnonAddy è un servizio anonimo di inoltro email, vi aiuta a rimanere anonimi e a non dare in giro il vostro indirizzo email ovunque. Ma come funziona? E cosa vuol dire esattamente servizio anonimo di inoltro email?

Quando vi registrate su un sito vi viene generalmente richiesto un indirizzo email valido. Le opzioni che vengono utilizzate dalla stragrande maggioranza delle persone sono quattro:

  • utilizzate la vostra email principale (che molto spesso è anche nome.cognome);
  • avete una junk mail dedicata che utilizzate solo per i servizi di cui vi importa poco;
  • vi registrate utilizzando una mail temporanea creata su siti come 10 Minute Mail;
  • i più scaltri utilizzano gli alias infiniti e gratuiti disponibili con il carattere “+”. La maggior parte dei provider email infatti permette di ricevere (e qualcuno anche di inviare) email da vostroindirizzo+qualsiasialtracosa@dominio.it. Utile per differenziare le varie iscrizioni, per esempio: vostroindirizzo+facebook@dominio.it.

Una mail per tutti i servizi può essere un problema

Ognuna di queste possibilità ha dei validi pregi e altrettanti difetti.

Per esempio utilizzare sempre e solo la propria email principale può essere un problema. Intanto perché il vostro indirizzo email può, potenzialmente, finire ovunque in caso di leak (dati rubati) e sareste sommersi dallo spam. Inoltre se avete una classica email nome.cognome siete in qualche modo costretti a identificarvi anche su siti che magari non lo richiederebbero.

Avere una junk mail mail è utile ma, come nel caso precedente, nel caso finisse in qualche lista nera potreste ritrovarvi la mail rovinata dal continuo spam.

Gli altri due metodi sono un po’ più avanzati ma anche loro si portano dietro qualche problema. Le mail temporanee infatti sono, per l’appunto, temporanee. Dunque se mai dovesse servirvi nuovamente quell’account non potrete mai più utilizzarlo. Inoltre i loro domini sono spesso bloccati e non si possono utilizzare durante le registrazioni.

Gli alias con il “+” si portano dietro invece altri problemi: il primo è che spesso potete solamente ricevere una mail e non inviarla con quell’alias. In questo caso risulta quindi poco utile per quei siti che richiedono anche una risposta. Inoltre in caso di leak il sistema è molto conosciuto ed è facilmente reversibile: qualsiasi bot può rimuovere in automatico il ‘+’ e conoscere il vostro indirizzo principale. Infine, può capitare che alcuni siti web non funzionino correttamente o abbiano qualche comportamento imprevisto con questa tipologia di alias 1.

AnonAddy può essere una valida soluzione

Una delle soluzioni più interessanti per risolvere definitivamente la questione è AnonAddy.

Grazie ad AnonAddy infatti potrete creare infiniti alias con il sottodominio @nomeutente.anonaddy.com oppure @nomeutente.anonaddy.me. In alternativa potete scegliere di utilizzare un vostro dominio creato ad hoc per l’occasione.

Anche questa soluzione non è esente da rischi, infatti il dominio @anonaddy.com potrebbe essere nella lista nera e le vostre email non arriverebbero a dovere. Dobbiamo essere sinceri però, a noi non è ancora capitato tuttavia è una cosa da non sottovalutare (per questo, ma vedremo più avanti, è consigliato utilizzare il servizio soprattutto con un dominio personalizzato).

Cosa significa esattamente questo? Cosa sono gli alias?

Facciamo un esempio pratico, visto che è sicuramente più facile a farsi che a dirsi.

Se dovete registrarvi su Facebook potrete utilizzare la mail: facebook@vostroutente.anonaddy.com. In automatico AnonAddy inoltrerà l’email all’indirizzo che avrete deciso in precedenza.

Facebook in questo modo non potrà mai sapere quale è il vostro reale indirizzo email ma vi conoscerà solo con il vostro alias. AnonAddy inoltre vi consente di rispondere dall’alias.

I pregi

Vediamo insieme quelli che secondo noi sono i pregi di questa soluzione:

  • potete creare una mail personalizzata per ogni singola registrazione. Questo è utile per due motivi: intanto nel malaugurato caso la vostra email finisca in qualche archivio di spam potete semplicemente sopprimere l’alias e sostituirlo con un altro. Inoltre potrete scoprire se qualcuno ha venduto il vostro indirizzo email a terzi. Se infatti riceverete una mail promozionale su facebook@vostroutente.anonaddy.com non avete dubbi su chi possa aver venduto i vostri dati;
  • il giorno in cui deciderete di cambiare indirizzo email non dovrete più cambiarlo su tutti i siti a cui siete iscritti ma vi basterà modificare l’indirizzo predisposto su AnonAddy;
  • non siete obbligati a utilizzare il dominio @nomeutente.anonaddy.com, potete benissimo acquistare un vostro dominio (ed è la soluzione che consigliamo) e creare infiniti alias come facebook@vostrodominio.it;
  • potete rispondere dall’alias creato, fondamentale per tutti i siti che lo richiedono;
  • AnonAddy è completamente open source sia lato client che lato server 2 e dunque potete anche, volendo, self-hostarlo per i fatti vostri se siete utenti esperti 3;
  • sempre per i più esperti, è possibile anche utilizzare la propria chiave PGP 4 nelle email inoltrate;

E i difetti

I pregi dunque secondo noi sono molti, anche se ovviamente il sistema non è esente da difetti:

  • vi affidate a un servizio terzo che promette di non leggere le vostre email e che dice di inoltrarle e basta. Come dicevamo è open source, ma come sappiamo lato server non si può sapere cosa gira davvero;
  • è un servizio che esiste da diversi anni e che funziona praticamente sempre senza problemi 5. Tuttavia sembra sia gestito principalmente da una sola persona: Will Browning che nel corso degli anni si è dimostrata una persona attenta, intelligente e che sa ascoltare la comunità. AnonAddy è un servizio professionale a tutti gli effetti e Will Browning non sembra una persona che lascia nulla al caso. Nelle FAQ infatti c’è anche la domanda: “What happens to AnonAddy if you die?6 e la risposta, riassumendo, è: “i domini sono registrati sempre fino ad almeno 5 anni e ci sono persone che sanno esattamente come far andare avanti il tutto e ne faranno un annuncio su Twitter così che possiate decidere se continuare a usare il servizio o meno”;
  • come detto in precedenza il dominio @anonaddy.com può essere in qualche lista nera e creare problemi di ricezione/invio.

AnonAddy: conclusioni e alternative

Alcuni dei servizi di cui abbiamo parlato sono disponibili solamente nella versione a pagamento e in quella gratuita ci sono diversi limiti come quelli della banda (peso della email) giornaliera.

Esistono alternative ad AnonAddy che fanno quasi la stessa cosa con, a loro volta, altri pregi o difetti. Vi segnaliamo le alternative più famose:

  • SimpleLogin, azienda nata da poco che offre un servizio molto simile ad AnonAddy. Ci è sembrata leggermente più complessa e meno intuitiva ma è comunque semplicissima da utilizzare. È open source 7;
  • Firefox Relay, nuovo servizio offerto da Mozilla Firefox. Funziona molto bene ed è gratuito con funzionalità premium a pagamento tra cui la possibilità di rispondere tramite alias 8. Dobbiamo essere sinceri però: ultimamente Mozilla ha eliminato servizi molto utilizzati come Firefox Send. Rimane sempre un po’ la paura che anche Relay possa finire nel dimenticatoio. È open source 9. Ultima nota negativa: sembra che anche i domini di Firefox Relay non siano ben visti dai servizi di posta e quindi c’è il rischio di finire in spam 10.
  • DuckDuckGo Email Protection, anche la papera più famosa del web sta provando a entrare nel magico mondo delle email. Potrete avere un indirizzo @duck.com gratuitamente che inoltrerà sul vostro indirizzo email principale le varie email eliminando in automatico i traccianti presenti. Servizio interessante ma attualmente con qualche difetto come ad esempio l’obbligatorietà di iscriversi tramite la loro applicazione Android (che però è open source 11) e l’uso di un solo alias. Di recente è stata data la possibilità è stata data all’alias la possibilità di rispondere 12!

Come abbiamo visto dunque è un servizio sicuramente interessante che volevamo farvi conoscere, ora sta a voi decidere se può esservi utile o meno.

Vi aspettiamo su Telegram, su Feddit, Reddit o su Matrix per farci avere la vostra esperienza!

Hai domande o qualche commento su questo articolo? Puoi parlarne su Feddit, un'alternativa italiana e decentralizzata a Reddit gestita da noi: clicca qui!

  1. Suggerimento su Codeberg[]
  2. Codice sorgente su GitHub[]
  3. How do I host this myself?[]
  4. How do I add my own GPG/OpenPGP key for encryption?[]
  5. Service Status[]
  6. What happens to AnonAddy if you die?[]
  7. SimpleLogin su GitHub[]
  8. Can I reply to messages using my ⁨Relay⁩ alias?[]
  9. Firefox Relay su GitHub[]
  10. Mozilla’s Firefox Relay to be added to disposable-email-domains blacklist[]
  11. Codice sorgente di DuckDuckGo[]
  12. How do I reply from my Duck Addresses?[]

Se ti piace il nostro lavoro da oggi puoi anche donare grazie!

Aiutaci a condividere privacy

Di skariko

Autore ed amministratore del progetto web LeAlternative

Novità!

Da oggi puoi seguire e soprattutto commentare Le Alternative sul fediverso! Se hai un account Mastodon, Pleroma, Friendica, Hubzilla, PixelFed, SocialHome, Misskey puoi seguire l'autore skariko cercando @skariko@www.lealternative.net.

Dopo averlo seguito potrai trovare i post (non quelli precedenti alla tua iscrizione) e commentarli. Il commento che farai si vedrà automaticamente anche qui permettendo così una grande e bellissima condivisione anche con il fediverso.

TRE ARTICOLI RANDOM