Le Alternative è in pausa dall'1 al 31 agosto. In questo periodo verranno inseriti solamente aggiornamenti con giochi open source e qualche Cassandra. Buon divertimento!

CI TROVI SU TWITTER 🦜, MA TI CONSIGLIAMO DI SEGUIRCI SU MASTODON 🐘

Lunghezza dei Termini e condizioni

Una delle tante delle motivazioni che ci hanno spinto a creare il progetto LeAlternative è proprio la necessità di far capire meglio l’assurda lunghezza dei Termini e condizioni della maggior parte dei siti web a cui ci registriamo. Ci abbiamo già provato con Capire le policy privacy, dove abbiamo visto che esistono alcuni tool automatici che cercano di sintetizzare per noi le policy dei vari siti web.

Quanti di voi hanno mai anche solo osato avvicinarsi alla pagina Termini e condizioni? È abbastanza palese che quelle pagine con quei termini e con quelle lunghezze sono solo un lavoro per avvocati e non di certo per esseri umani che vorrebbero iscriversi al servizio.

Per farvi un esempio: di recente chi vi scrive ha dovuto fare un account su Disney+. Poco dopo l’iscrizione arriva una email con le condizioni generali di abbonamento dove si chiede esplicitamente di “leggere attentamente queste condizioni generali di abbonamento prima di utilizzare il servizio“. La mail era così lunga che mi è venuto voglia di scoprire quanto lo fosse realmente. Ho così copiato ed incollato il contenuto della mail all’interno del sito Conta Caratteri. Sono stati trovati la bellezza di 40448 caratteri, 5776 parole e circa 30 minuti di lettura necessari. Trenta minuti di legalese, difficile da capire e non sempre del tutto chiaro per l’utente finale.

Certificate vector created by upklyak – www.freepik.com

Lunghezza dei Termini e condizioni

Tutto questo senza che ci sia un corrispettivo per umani come troviamo per esempio su crypt.ee. È normale che loro vogliano tutelarsi il più possibile su qualunque aspetto. È meno normale che si aspettino che per un servizio di registrazione rapida, semplice ed immediata su internet una persona normale legga trenta minuti di legalese.

Anche perché poi è spesso dentro questi migliaia di caratteri che si scoprono come vengono utilizzati i nostri dati, se vengono venduti a terzi, se viene fatta profilazione e via dicendo.

Per farvi un esempio banale, Google: “Potremmo combinare le informazioni che raccogliamo nei nostri servizi e sui tuoi dispositivi per le finalità descritte sopra. Ad esempio, se guardi video di chitarristi su YouTube, potresti vedere un annuncio di lezioni di chitarra su un sito che usa i nostri prodotti pubblicitari. A seconda delle tue Impostazioni account, le tue attività su altri siti e app potrebbero essere associate alle tue informazioni personali, allo scopo di migliorare i servizi Google e gli annunci pubblicati da Google.” dovremmo leggere quello che troviamo scritto qui: Norme sulla privacy. 34mila caratteri e 23 minuti di lettura. E proprio a questo proposito arriviamo ora al centro di questo articolo.

Parliamo infatti di questa bella infografica del mitico Visual Capitalist. Quanto sono lunghi i Termini e condizioni dei siti più famosi? Visual Capitalist ci fa sapere che vince la gara Microsoft e che il 97% delle persone 18-34 accetta tutto senza mai leggere le condizioni d’utilizzo. Strano! Pensavamo fosse un po’ il sogno di tutti leggere 30minuti di nozioni legali.

Ecco a voi l’infografica.

Cliccate sull’immagine per vederla alle dimensioni reali.

Infografica a cura di Visual Capitalist

Hai domande o qualche commento su questo articolo? Puoi parlarne su Feddit, un'alternativa italiana e decentralizzata a Reddit gestita da noi: clicca qui!

Se ti piace il nostro lavoro puoi anche donare grazie!

Aiutaci a condividere privacy

Di skariko

Autore ed amministratore del progetto web LeAlternative

TRE ARTICOLI RANDOM