CI TROVI SU TWITTER 🦜, MA TI CONSIGLIAMO DI SEGUIRCI SU MASTODON 🐘

Come nascondere il proprio indirizzo email

Difficoltà: ◉○○○

Abbiamo trovato un articolo interessante sul blog It’s FOSSFOSS Significa Free and Open Source Software. Con l’aggiunta di “Free as in freedom”, cioè libero come libertà (e non come gratis). È una differenza importante, l’idea di fondo è che si paga il programmatore, non il programma. Vedi anche Software Libero. chiamato 5 Tools to Protect Your Email Address From Websites and Newsletters, ovvero 5 modi per nascondere il proprio indirizzo email. Visto che ci è sembrata un’ottima idea abbiamo deciso di proporvi qualcosa di simile, non sarà quindi una traduzione di quell’articolo ma una nostra reinterpretazione! Come nascondere il proprio indirizzo email?

Abbiamo già affrontato questo tema in due differenti articoli: uno dedicato interamente ad AnonAddy mentre l’altro dedicato alle email temporanee.

Quello che vogliamo affrontare oggi è un problema simile: come potersi registrare a newsletter, siti e tutti quei posti dove ci viene richiesta una mail, senza far conoscere a tutti il nostro vero indirizzo email?

Il concetto è semplice, anche se ci si può mettere un po’ a capirlo: in pratica voi ricevete le email sempre allo stesso indirizzo ma create ad hoc diversi indirizzi email da dare ai vari siti che ve lo chiedono. L’immagine qui sotto, tratta da SimpleLogin, ci sembra abbastanza esplicativa.

Come nascondere il proprio indirizzo email

Come nascondere il proprio indirizzo email

Cosa succede dunque: grazie a uno dei sistemi che vi andremo a elencare, potrete registrarvi sui vari siti utilizzando degli indirizzi email differenti dal vostro. Come già spiegato nell’articolo su AnonAddy, sappiamo che molti provider, tra cui per esempio Gmail, permettono la creazione di alias infiniti semplicemente inserendo il ‘+’ dopo il proprio username. Questa pratica, tuttavia, non è del tutto sicura perché:

  • il vostro indirizzo email è esposto e facilmente aggirabile da qualsiasi script creato ad hoc: basterà infatti eliminare tutto quello che viene dopo ‘+’ per risalire automaticamente al vostro reale indirizzo email;
  • raramente è possibile rispondere dall’alias creato e questo, in alcune occasioni, può essere un problema.

Integrazione in Bitwarden

Alcune di queste applicazioni sono integrate all’interno di Bitwarden 1. È possibile infatti integrare dal proprio account Bitwarden i propri account SimpleLogin, AnonAddy oppure Firefox Relay. In questo modo ogni volta che dovete iscrivervi a un nuovo servizio potrete scegliere username e password assolutamente casuali e memorizzarli direttamente in Bitwarden col minimo sforzo!

Catch-all con dominio personalizzato

Lo buttiamo lì come suggerimento per chi ha voglia di guardarsi un po’ in giro e di smanettare un pochettino. Come alternativa a un servizio di alias di email potreste pensare di utilizzare un vostro dominio personalizzato e abilitare il catch-all. Il catch-all è un metodo, che non viene offerto da tutti i provider quindi controllate prima, che permette di ricevere al proprio dominio qualsiasi email. In sostanza potreste crearvi il vostro dominio @xxx.it, abilitare il catch-all e successivamente vi basterà dare qualsiasi indirizzo email con quel dominio per ricevere la mail. Le riceverete sempre tutte e comunque.

Questo servizio ha alcuni vantaggi come il fatto che le email non devono passare da un secondo provider (cosa inevitabile quando si parla di servizi che vi inoltrano le email). La cosa negativa è che per esempio non è detto che possiate rispondere da qualsiasi indirizzo: queste sono impostazioni che dovrete guardare singolarmente nei vari provider!

Comunque questa, come detto, è una scelta leggermente più complessa. Stiamo anche valutando se fare un articolo ad hoc per i domini personalizzati. Intanto speriamo di avervi incuriosito e, come sempre, lasciamo che ognuno oppure ognuna di voi decida fino a che punto vuole spingersi.

Ecco le nostre scelte

Vi proponiamo dunque alcuni strumenti semplici da utilizzare e davvero alla portata di chiunque. In questo articolo parleremo solo di email alias e non di indirizzi email temporanei come in quest’altro articolo.

SimpleLogin

open sourceOpen source Open source vuol dire che il codice sorgente è accessibile a tutti e chiunque può vedere cosa c’è dentro. Leggi anche Software Libero.
anche in versione gratuita
possibile usare un proprio dominio
integrazione con Bitwarden
è possibile usare PGP
audit di sicurezza
applicazioni ufficiali per Android e iOS

Dopo l’acquisizione da parte di Proton 2 ha passato un importante audit indipendente di sicurezza 3 ed è diventata indubbiamente una delle realtà più interessanti sul mercato. La sottoscrizione Premium costa 30$ l’anno ma se siete già iscritti a Proton è già inclusa nel vostro abbonamento a pagamento.

Nella versione a pagamento è possibile avere infiniti alias e infiniti domini personali. I domini utilizzabili nella versione a pagamento sono un po’ diversi rispetto a quella gratuita. Al momento della scrittura infatti quelli gratuiti risultano essere simplelogin.com, aleeas.com, slmail.me e simplelogin.fr mentre gli utenti a pagamento possono usare anche 8alias.com, dralias.com e 8shield.net. Usare un dominio a pagamento dovrebbe essere meglio perché è meno probabile che sia bloccato o che sia stato utilizzato per qualche abuso.

AnonAddy

open source
anche in versione gratuita
possibile usare un proprio dominio
integrazione con Bitwarden
è possibile usare PGP
applicazioni per Android e iOS non ufficiali

È sicuramente il servizio più interessante insieme a SimpleLogin. Esiste da parecchi anni e raramente ha avuto disservizi. È gestito da una sola persona, Will Browning 4, che ha ben spiegato cosa succederebbe nel caso morisse: What happens to AnonAddy if you die?

È sicuramente un’ottima opzione, è intuitiva e nella versione a pagamento ha molti domini da poter utilizzare. Ha inoltre due tipologie differenti di iscrizione, oltre a quella gratuita: lite oppure pro. Nella versione lite, che costa 12$ l’anno, avete ancora alcuni limiti tra cui quello della banda utilizzata e dei messaggi da poter inviare dagli alias. Nella versione pro invece, al costo di 36$ l’anno, quasi tutti i limiti scompaiono o diventano comunque molto alti e difficilmente superabili.

Firefox Relay

open source
anche in versione gratuita
integrazione con Bitwarden
nessuna applicazione per smartphone

Da non molto tempo anche Mozilla è entrato nel magico mondo delle email alias. Attraverso il suo servizio Firefox Relay, integrato nel vostro account Firefox. Offre una versione gratuita davvero molto basilare ma il suo servizio premium è assolutamente economico: costa meno di 1€ al mese.

A differenza dei precedenti ha molte meno opzioni disponibili, probabilmente anche per la sua giovane età, tuttavia ne ha altre molto interessanti come il blocco automatico delle email pubblicitarie. Il dominio gratuito è mozmail.com e nella versione a pagamento ne potrete avere altri. È forse il miglior compromesso per chi vuole spendere poco e ha bisogno di un servizio semplice ed efficace.

DuckDuckGo Email Protection

totalmente gratuito
applicazioni ufficiali per Android e iOS

Anche la papera più famosa del web è entrata in questo mercato. A metà 2022 è uscita dalla versione beta e ha aperto l’iscrizione a chiunque 5. Per iscriversi è obbligatorio avere la loro applicazione oppure, su desktop, utilizzare la loro estensione.

Non esiste una versione a pagamento e viene offerto, per ora, tutto gratuitamente. Non è possibile creare tanti alias ma solamente uno da utilizzare per tutti i siti in cui ci si vuole registrare. Il dominio è il bellissimo @duck.com. Le email inoltrate sul vostro indirizzo verranno ripulite da eventuali pixel di tracciamento o statistiche.

Decisamente ottima da utilizzare per la registrazione a newsletter o siti poco importanti.

Booya!

open source
totalmente gratuito
nessuna applicazione per smartphone

Questa alternativa la prendiamo direttamente dall’articolo di It’s FOSS di cui abbiamo parlato all’inizio. Sembra un progetto molto interessante anche se è dedicato a chi ha un minimo di conoscenze tecniche dato che è obbligatorio utilizzare un proprio dominio. Questo però ha il vantaggio, ad esempio, di non far arrivare e inoltrare le email da server terzi.

Booya! funziona esclusivamente tramite estensione, non esistono applicazioni. Se volete esiste questo video tutorial per farvi capire come funziona. Loro suggeriscono l’acquisto del dominio attraverso Gandi.net. un ottimo provider. Tuttavia non è vincolante, potete comprare il dominio dove vi pare: Infomaniak, OVH o qualsiasi altro.

Hai domande o qualche commento su questo articolo? Puoi parlarne su Feddit, un'alternativa italiana e decentralizzata a Reddit gestita da noi: clicca qui!

  1. Add Privacy and Security Using Email Aliases With Bitwarden[]
  2. SimpleLogin joins the Proton family[]
  3. SimpleLogin passes an independent security audit[]
  4. Who’s behind AnonAddy?[]
  5. Protect Your Inbox: DuckDuckGo Email Protection Beta Now Open to All![]

Se ti piace il nostro lavoro puoi anche donare grazie!

Aiutaci a condividere privacy

Di skariko

Autore ed amministratore del progetto web LeAlternative

TRE ARTICOLI RANDOM