Plexus

Logo di Feddit Logo di Flarum Logo di Signal Logo di WhatsApp Logo di Telegram Logo di Matrix Logo di XMPP Logo di Discord

Plexus

L'ultimo aggiornamento di questo post è di 2 anni fa

Difficoltà: ◉◉○○

Una delle principali preoccupazioni quando si vuole provare a degooglizzare il proprio smartphone è la paura che qualche applicazione non funzioni a dovere. È una paura, purtroppo, assolutamente fondata e la conosciamo bene, tanto da aver creato appositamente una lista di applicazioni con problemi su smartphone degooglizzati che trovate qui: À la carte. E noi l’idea l’abbiamo presa proprio da Plexus!

Plexus è un progetto sviluppato da Techlore, un importante blog incentrato sulla privacy e sulla sicurezza. Techlore è famosa anche per fare video divulgativi (in inglese) disponibili su YouTube ma ovviamente anche su PeerTube e Odysee.

Il progetto Plexus nasce come sito collaborativo: inizialmente infatti chiunque poteva modificare un (terribile) file .csv e mettere online le modifiche sul sito. Con l’arrivo dell’applicazione di cui vi parliamo oggi le cose sono invece un po’ cambiate. Il file dei dati è diventato un più pratico .json 1 e stanno sviluppando un’API (una interfaccia di programmazione) per permettere le modifiche con semplicità ed esclusivamente attraverso l’applicazione 2.

Plexus, scopri se un’applicazione funziona sul tuo smartphone degooglizzato

L’applicazione è molto carina, ben fatta ed altrettanto semplice da utilizzare e capire. Sono presenti due tab una con tutti i dati di Plexus, l’altra con le applicazioni che avete installato sul vostro smartphone.

Come detto, Plexus serve a capire se un’applicazione funziona o meno su uno smartphone degooglizzato. Purtroppo diverse applicazioni possono dare problemi se non trovano un sistema operativo perfettamente integro e soprattutto se non trovano installati i servizi di Google originali. Alcuni smartphone, dei quali abbiamo fatto la conoscenza in passato come /e/ oppure iodé, utilizzano proprio microG per simulare i servizi di Google. Ad alcune applicazioni, purtroppo, questa cosa non fa impazzire.

Come funziona Plexus

Per ogni applicazione sono presenti due punteggi:

  • quello di sinistra è per gli smartphone completamente degooglizzato e senza microG;
  • quello di destra è per gli smartphone con installato microG, come abbiamo detto per esempio quelli di /e/, di iodé oppure anche di CalyxOS.

I punteggi vanno da X a 4:

  • X = applicazione non testata
  • 1 = Inutilizzabile
  • 2 = Accettabile
  • 3 = Bene
  • 4 = Perfetto

Cliccando all’interno delle varie applicazioni si possono scrivere le motivazioni che hanno portato al voto.

Scarica

Suggerimento extra per gli esperti

Aggiungiamo un piccolo suggerimento extra che ci è arrivato. Se avete la necessità di passare SafetyNet e quindi provare a far funzionare anche applicazioni che altrimenti non funzionerebbero in un sistema degooglizzato, potete provare questa sequenza:

Su lineageOS, /e/, iodéOS, lineageOS for microG:

  1. Installare microG.
  2. Installare magisk (per abilitare il root e le altre funzioni).
  3. Abilitare zygisk da dentro le impostazioni di magisk. Magisk->Zygisk->Enable.
  4. Installare Universal SafetyNet Fix.
  5. Installare microG installer (necessario per signature spoofing e dare l’accesso completo al sistema a microG, già presente su /e/, iodéOS, lineageOS forh microG.

Dopo aver completato i passi precedenti, viene superato il SafetyNet di google. Inoltre, dentro le impostazioni di magisk è possibile aggiungere e/o rimuovere le applicazioni alle quali è applicato il root:
Magisk->Enforce DenyList->Enable
Magisk->Configure DenyList->Apps

  1. json su GitHub[]
  2. Important updates as of May 12, 2022[]

Unisciti alle comunità

Logo di Feddit Logo di Flarum Logo di Signal Logo di WhatsApp Logo di Telegram Logo di Matrix Logo di XMPP Logo di Discord




Se hai trovato errori nell'articolo puoi segnalarli cliccando qui, grazie!

Di skariko

Autore ed amministratore del progetto web Le Alternative