TROVI ANCHE IL NOSTRO GRUPPO TELEGRAM 💬

Native Alpha

Difficoltà: ◉○○○

Articolo creato il: 24 Febbraio 2023

Vi riproponiamo un argomento già trattato in passato con la recensione di WebApps. Quello di cui andremo a parlare dunque sono le cosiddette web app e vi proponiamo l’utilizzo di Native Alpha, un’applicazione open source davvero interessante.

Purtroppo WebApps non è più supportata dal suo sviluppatore 1 e il suo utilizzo ne è sconsigliato anche per via del fatto che non offre una vera e propria sandbox 2 dunque non c’è troppa differenza nell’utilizzare un qualsiasi altro browser per tutte le web app.

Iniziamo con il chiarire subito cosa sono le web app. Per farla semplice sono dei collegamenti sul vostro smartphone che portano a determinati siti. Vengono chiamate web app in pratica tutte quelle applicazioni/siti web che funzionano via browser e che sono stati ottimizzati per l’utilizzo tramite smartphone. In qualche modo simulano l’effetto di una vera e propria applicazione senza però la noia e i problemi relativi all’installazione di un’applicazione.

Native Alpha: perché preferire le web app?

I motivi per preferire una web app rispetto ad un’applicazione vera e propria sono diversi. Ad esempio l’installazione di applicazioni proprietarie richiede spesso autorizzazioni importanti come l’uso di svariati sensori, lettura dei contatti, cronologia chiamate, uso della posizione e molto altro. Usare un servizio tramite web riduce questi rischi permettendo di fare tutto da browser. Ad ogni singola web app, ovvero sito web, potete decidere dare determinate autorizzazioni e limitarne l’ingombro.

Inoltre le applicazioni possono avere alcuni limiti come l’installazione obbligatoria tramite Play Store o altri store proprietari. In un mondo ideale se tutti i servizi fossero attivi e funzionanti tramite web app probabilmente potremmo avere degli smartphone senza Android senza grossi problemi già da oggi stesso.

Ora che abbiamo spiegato cosa sono le web app possiamo continuare a parlarvi di Native Alpha. Questa applicazione vi permette di creare dei collegamenti con delle web app.

Usare Twitter senza installare Twitter

Facciamo un esempio pratico. Se avete la necessità di utilizzare Twitter (nonostante l’esistenza di Mastodon) potreste non voler installare la sua applicazione ufficiale che contiene ben 4 traccianti ma soprattutto richiede la bellezza di 46 permessi 3.

Fin qui non ci sarebbe molto di diverso rispetto a WebApps (che comunque non verrà più aggiornata). La differenza più importante è che Native Alpha nella sua versione a pagamento aggiunge l’isolamento (sandbox) di una web app con l’altra.

Quest’ultima opzione è molto importante per la privacy e per non condividere con altri siti gli stessi cookie e alcuni dati.

Facciamo un altro esempio: se oltre a Twitter aggiungete anche Amazon come web app, nella versione gratuita di Native Alpha questi due siti possono in qualche modo parlarsi. Nella sua versione a pagamento, invece, le due web app sono totalmente separate dunque Amazon non parlerà con Twitter e viceversa.

I punti negativi di Native Alpha

Native Alpha è davvero ottima e fatta molto bene, ha davvero pochi difetti pratici. Purtroppo però uno dei suoi punti dolenti è il fatto che la sua versione a pagamento, ironia della sorte, è disponibile esclusivamente sul Play Store. Un po’ un cortocircuito a nostro modo di vedere e speriamo che lo sviluppatore cambi idea e proponga altri metodi di pagamento, anche se ha già detto abbastanza chiaramente che difficilmente lo farà 4.

Scarica Native Alpha


Quali alternative a Native Alpha?

Questo problema ci ha convinto ad andare alla ricerca di alternative a Native Alpha. La più interessante di tutte è sicuramente Hermit: anche quest’ultima nella sua versione gratuita non isola le web app mentre nella sua versione a pagamento ne garantisce l’isolamento 5.

Nonostante Hermit non sia e non sarà mai open source 6, il suo sviluppatore ha deciso di permettere l’acquisto dell’applicazione anche a chi non utilizza il Play Store pagando semplicemente con PayPal 7. Inoltre aggiungendo il suo repository su F-Droid è anche possibile aggiornare l’applicazione senza mai installare nulla dal Play Store 8.

Attenzione: anche se aggiungete il repository su F-Droid l’applicazione è e rimane a codice chiuso. Semplicemente la scaricate direttamente dallo sviluppatore. In questo caso F-Droid fa solo da “contenitore”.

  1. Future of WebApps, Web and Android, and other philisophical issues[]
  2. Claims of Sandboxing in Other Apps[]
  3. Rapporto Exodus su Twitter[]
  4. Buying Native Alpha Plus outside Google Play Store[]
  5. Sandbox: Multiple Profiles / Containers[]
  6. Our Apps and Open Source[]
  7. Unlocker App[]
  8. Get via F-Droid apps[]

Se ti piace il nostro lavoro puoi anche donare grazie!

Aiutaci a condividere privacy

Di skariko

Autore ed amministratore del progetto web LeAlternative

DUE ARTICOLI RANDOM