Google manipola i suoi algoritmi più di quanto crediamo

Google manipola i suoi algoritmi più di quanto crediamo

Una lunga inchiesta del Wall Street Journal racconta come nel motore di ricerca più usato al mondo ci siano sempre più interventi manuali per organizzare i risultati. Si stima che ogni secondo siano effettuate su Google circa 63mila ricerche. La precisione dei risultati offerti e la praticità con cui si può trovare praticamente qualsiasi cosa… Continua a leggere Google manipola i suoi algoritmi più di quanto crediamo

Exodus, gli affari dietro il malware di Stato che spiava gli italiani

Alternative a Google Chrome

Venduto a procure e servizi segreti, è stato usato per spiare centinaia di cittadini italiani. Ma perché nessuno ha controllato chi lo sviluppava? E perché i dati finivano su un server in Oregon? L’inchiesta. A Cosenza c’è un poliziotto sui generis: Vito Tignanelli. Se da una parte la sua carriera include esperienze di punta nell’antimafia,… Continua a leggere Exodus, gli affari dietro il malware di Stato che spiava gli italiani

Pubblicato
Etichettato come Notizie

L’Australia vuole usare il riconoscimento facciale per guardare i porno [EN]

Australia e il porno

The UK might have ditched plans for an age filter on online porn, but Australia is going all-in with a new proposal that could require internet users to verify their identity in a face-matching database before viewing pornography. The proposal comes as Australian lawmakers consider new restrictions around age verification for online porn and gambling… Continua a leggere L’Australia vuole usare il riconoscimento facciale per guardare i porno [EN]

Un algoritmo di Google “monopolizza” il traffico web

Alternative a Google Search

L’algoritmo usato da Google per rendere i suoi siti più veloci rispetto ai concorrenti si comporta in maniera “scorretta” occupando la maggior parte della banda di trasmissione. A stabiliro è lo studio di alcuni ricercatori della Carnegie Mellon University: l’algoritmo Bbr, sviluppato da Big G, gestirebbe il traffico di internet consumando troppa larghezza di banda… Continua a leggere Un algoritmo di Google “monopolizza” il traffico web

7 milioni di account Adobe Creative Cloud violati [EN]

Alternative a Google Password

An open cloud database sets the stage for phishing attacks for users of the subscription service. Nearly 7.5 million Adobe Creative Cloud users are left open to phishing campaigns after their records were left exposed to the internet. Adobe Creative Cloud, which has an estimated 15 million subscribers, is a monthly service that gives users… Continua a leggere 7 milioni di account Adobe Creative Cloud violati [EN]

IOT, i dati degli utenti di Whirpool esposti in chiaro [EN]

IOT

Another day, another shining example of why connecting everything from your Barbie dolls to tea kettles to the internet was a bad idea. This week it’s Whirlpool that’s under fire after a researcher discovered that the company had failed to secure a database containing 28 million records collected from the company’s “smart” appliances. The database… Continua a leggere IOT, i dati degli utenti di Whirpool esposti in chiaro [EN]

Alternative a Google Password Manager

Alternative a Google Password

Come vi spiegheremo in questo articolo la cosa peggiore che potete fare è salvare le vostre password su Google Password Manager. Le password non sono criptate e sono di facile accesso per estranei. Usate un password manager sicuro e criptato.

Fare ricerche su Google come farebbe un hacker

Fare ricerche su Google come farebbe un hacker

Il motore di ricerca che ogni giorno utilizziamo per effettuare qualsiasi tipo di ricerca nascond anche un lato oscuro. Se interrogato adeguatamente, Google può diventare un’arma estremamente efficace. Interrogare un motore di ricerca significa inserire i termini di ricerca all’interno della barra di Google e premere il tasto “Invio”. E sapendo cosa chiedere, si possono ottenere da… Continua a leggere Fare ricerche su Google come farebbe un hacker

Perché all’uomo che ha “acceso” internet 50 anni fa non piace com’è andata a finire

Internet

Internet ha cambiato il mondo. Ormai è banale dirlo, ma è una rivoluzione iniziata cinquant’anni fa, esatti. Tra i tanti fenomeni epocali della storia umana, di questo conosciamo persino il minuto preciso in cui è iniziato: alle 22.30 del 29 ottobre 1969. In quell’istante è stato inviato il primo messaggio tra un computer e un… Continua a leggere Perché all’uomo che ha “acceso” internet 50 anni fa non piace com’è andata a finire

Alternative a Google Drive

Alternative a Google Drive

Dopo Gmail forse l’alternativa più importante da cercare per Google, per quel che riguarda la privacy, è proprio Google Drive. Provate a pensare quanto sono sensibili i dati che avete deciso di lasciare su Google Drive e dei quali Google ha interamente accesso!

Unicredit, compromessi i dati di 3 milioni di clienti

Alternative a Google Password

Il team di sicurezza informatica di UniCredit ha identificato un caso di accesso non autorizzato a dati relativo a un file generato nel 2015. Questo file conteneva circa 3 milioni di records, riferiti al perimetro italiano, e risultava composto solo da nomi, città, numeri di telefono ed e-mail. Lo si legge in una nota della… Continua a leggere Unicredit, compromessi i dati di 3 milioni di clienti